I cinque libri della mia vita

Prendo la palla al balzo dal blog La mia ombra e vado a scrivervi l’inizio dei cinque libri della mia vita.

1) Oscar Wilde – “Il gigante egoista”

Il delitto di Lord Arthur Savile e altri racconti

“Ogni pomeriggio, al ritorno da scuola, i bambini solevano andare a giocare nel giardino del Gigante. Era un giardino grande e bellissimo, tappezzato di soffice erba verde. Qua e là sull’erba occhieggiavano fiori simili a stelle, e vi erano dodici peschi che a primavera si copriva di delicati boccioli di rosa e di perla, e in autunno producevano frutti opulenti. Gli uccelli sedevano sugli alberi e cantavano con tanta dolcezza che i bambini interrompevano spesso i loro giochi per starli ad ascoltare.[…]”

 

 

 

 

 

2) J.R.R. Tolkien – “Il Signore degli Anelli”

Il Signore degli Anelli - Bompiani“Quando il Sig. Bilbo Baggins di Casa Baggins annunziò che avrebbe presto festeggiato il suo centoundicesimo compleanno con una festa sontuosissima, tutta Hobbiville si mise in agitazione. Bilbo era estremamente ricco e bizzarro e, da quando sessant’anni prima era sparito di colpo, per ritornare poi inaspettatamente, rappresentava la meraviglia della Contea. Le ricchezze portate dal viaggio erano diventate leggendarie, ed il popolo credeva, benchè ormai i vecchi lo neghino, che la collina di casa Baggins fosse piena di grotte rigurgitanti di tesori.[…]”

 

 

 

 

 

3) William Shakespeare – Macbeth

Fussli - Lady Macbeth

“1 witch . When shell we three meet again
In thunder, lightning or in rain.

2 witch. When the hurlyburly’s done,
When the battle’s lost and won.

3 witch. That will be ere the set of sun.

1 witch. Where the place?

2 witch. Upon the heat

3 witch. There to meet with Macbeth.

1 witch. I come Graymalkin

All. Paddock calls. – Anon!
                                                             Fair is foul and foul is fair,
                                                             Hover through the fog and filthy air.[…]”

 

4) Edward Morgan Forster – “Maurice”

Maurice“Once a term the whole school went for a walk – tha is to say the three masters took part as well as the boys. It was usually a pleasant outing, and everyone looked forward to it, forgot old scores, and behaved with freedom. Lest discipline should suffer, it took place just before the holidays, then leniency does no harm, and indeed seemed more like a treat at home than school, for Mrs Abrahams, the Principal’s wife, would meet them at the tea place with some lady friends, and be hospitable and motherly.[…]”

 

 

 

 

 

 

5) Oscar Wilde – “Il ritratto di Dorian Gray”

Oscar Wilde - Il ritratto di Dorian Gray

“Lo studio era intriso di uno splendido odore di rose, e quando la lieve brezza estiva fusciava tra gli alberi del giardino, dalla porta aperta penetrava il pesante profumo delle serenelle, o quello più delicato dei rosaspini. Sdraiato nell’angolo di un divano coperto di stoffe persiane, e fumando, secondo la sua abitudine, un numero indefinito di sigarette, Lord Henry Wotton poteva vedere i fiori di un’acacia, colorati e dolci come il miele, quei rami fragili che pareva potessero appena sopportare una bellezza tanto splendida;[…]”

 

 

 

 

 

Passo la palla, a Ismaele, MadMark, Babba, Luna, Pango.

Annunci

2 pensieri su “I cinque libri della mia vita

  1. Anche Forster non è male. Ho letto molte cose di lui. Maurice non era niente male. Tantissimi anni fa’ avevo visto anche il film che ho cercato a lungo senza mai riuscire a ritrovare. Giulia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...