The Pride inside

Sono cotto.

Rainbow high

Abbiamo iniziato a marciare alle 16.30, dopo un’ora dritti in piedi a guardare carri con uomini (e che uomini) seminudi che si contorcevano, gettavano fischietti, profilattici, magliette con scritto meglio frocio che fascista (che dire, concordo). Un arcobaleno di colori e di musica per celebrare le sofferenze e i silenzi degli omosessuali, le discrimanzioni, la mancanza totale di diritti a nostra tutela, gli abusi…diciamo che non poteva esserci nulla di meglio…siamo gay, gai e quindi, nonostante tutto sdrammatizziamo, sfiliamo, a volte in drag, con tacchi vertiginosi, parrucche vistose e follie estetiche di vario genere (oggi ho visto una trans, meravigliosamente ricoperta di perle e lustrini sul volto). Un gay pride pieno di spose maschi e sposi femmine e spose trans; un pride in cui è apparso, fiancheggiando l’intera manifestazione un anonimo Valerio Mastrandrea, in cui Daniele Silvestri era in una vecchia alfa gialla tra il primo e il secondo camion, in cui le mani di due ragazzi si sfiorano  e li guardo mentre si avvicinano per sussurrarsi parole d’amore, un amore che non ha nulla di demoniaco, semplicemente perchè nell’amore non c’è mai del male. Un pride in cui mi sono più volte commosso, in particolare quando ho sentito parlare di quelle persone che non fanno coming out perchè contornate da ignoranza, o quando ho appreso che le famiglie arcobaleno in due anni sono cresciute da dieci a duecento, e crescono esponenzialmente di due nuove coppie alla settimana. Il mondo per questo non cambierà, lo dico sempre, mai rinfoderare la spada…ma oggi è stato bellissimo vedere così tanti guerrieri, ognuno con la propria spada sguainata, in questa nostra battaglia per i nostri diritti.

Annunci

8 pensieri su “The Pride inside

  1. Io non c’ero… stavo dall’altra parte di Roma per la giornata conclusiva del mio master, però seguivamo tutti dalla rete ed abbiamo gioito sapendo che eravate tanti… anzi tantissimi.

    Alla faccia di quei rinco… del family day

  2. @brigida – grazie tantissime cara il tuo pensiero supporta lo nostra presenza li
    @ismaele…ci saranno altre occasioni, non vieni a Roma solo per il pride o sbaglio
    @pat…prometto che alla prossima apertura cercherò di esserci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...