Sulla riva di Coda Cavallo, lessi e piansi…

Oggi ho letto forse uno dei libri più belli di quest’ultimo periodo…

Erri De Luca - In nome della madre

In nome della madre è simbolo di assoluta dolcezza, della tenerezza materna e della totale perfezione di Maria “Full of grace”. E’ difficile aggiungere altro a quanto ho appena scritto, vi assicuro che il libro deve assolutamente essere letto, breve e tenerissimo…ero nell’ora di punta di una affollata spiaggia di Capo Codacavallo e ho pianto come un bambino soffermandomi su questa pagina, che vi riporto pari pari:

“Le donne del nostro popolo si coprono per non esporsi e perdere il bianco segreto della pelle. A me piace invece il segno del sole sul collo dei braccianti, sul dorso delle mani. In queste albe salgo a riceverlo, così il bambino impara la luce, non si spaventerà quando uscirà all’aperto. Gli piace già, sta a pancia in su come i cuccioli. Gli racconto: “Più del giorno ti stupirà la notte. E’ un grande grembo stracarico di luci. Nelle sere d’estate qualcuna si stacca e viene vicino, fischiando. In mezzo a loro passa una via bianca, un siero di latte, quando lo vedrai vorrai succhiarlo. Pensa che io sono una di quelle luci e intorno a me c’è un ammasso di altre. Così è la notte, una folla di madri illuminate, che si chiamano stelle: di tutte loro, solo io la tua. A guardarle fanno spalancare gli occhi e allargare il respiro. E’ questo su e giù del petto che ti dondola.”

Vi chiedo scusa ma l’editor di wordpress con questa connessione non mi funziona e non sono riuscito a dare la veste che avrei desiderato.

Annunci

3 pensieri su “Sulla riva di Coda Cavallo, lessi e piansi…

  1. Io non ho letto il libro, lo cercai a suo tempo ma non riuscii a reperirlo, ma ho visto il fim…non so quante somiglianze ci siano con il libro (così a pelle direi poche)..ma il fim a suo tempo…lo vidi quando era appena uscito, in un evento particolare con la scuola, durante una proiezione alla quale erano presenti anche il regista e lo sceneggiatore a cui potemmo fare domande ed esporre dubbi/pareri, mi colpì molto…ero una ragazzina..avrò avuto un 13 anni più o meno, non ricordo bene..ma lasciò in mente una sorta di piccola cicatrice, che poi ti porti sempre dietro…
    Gurdalo se ti capita..ora come ora ne ricordo poco, ma a suo tempo mi piaceva molt e lo rividi varie volta..
    Un saluto Ebee

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...